Com’è il nuovo Furby?

Sono passati pochi giorni da quando mi è arrivato Skrillex (che nome, ah!) ma posso già dirvi qualcosa di più sul nuovo Furby.

Premessa: il concept dietro questo nuovo Furby è letteralmente differente dai precedenti. Nel 98 Furby era stato inventato per diventare un tamagotchi che si potesse toccare e accudire; nel 2005 (sfortunatamente) è diventato un semplice peluche interattivo sulla scia dei Fur Real Friends. Nel 2012 invece Furby si presenta come un  vero e proprio robottino, forte del successo degli anni 90, personaggio di culto con una sua personalità e un suo linguaggio.

La premessa mi serve per spiegarvi alcune cose più avanti. Intanto di questo nuovo Furby mi piace moltissimo la parte meccanica: dimenticate il fastidioso suono metallico dei vecchi modelli, i motori all’interno sono ultrasilenziosi; le risposte al tocco – solletico, carezze, ecc. – sono immediate, basta a volte davvero un tocco lieve che Furby ride o emette versi. Purtroppo però, a volte i sensori non funzionano, probabilmente perchè Furby sta facendo altro o ‘sta per fare altro’, può capitare di non ottenere alcuna reazione se lo si solletica, lo si accarezza o gli si tira la coda. Per fortuna questa anomalia non accade spesso, quindi tranquilli.

Per quanto riguarda l’interazione con questo Furby, le premesse che ho fatto servono a capire alcune cose:

quando lo si scuote Furby emette versi differenti, ma ‘skippa’ da un verso all’altro proprio come un robot, quindi in modo molto innaturale. Questo però ha un senso, visto le orecchie in gomma, gli occhi digitali e come Furby si presenta oggi. Dunque non reagisce come un’imitazione di un animale – anche se ovviamente gli animali non parlano – come il vecchio Furby o come la creatura esotica ideata nel 2005, ma  si comporta proprio come un piccolo robot (ciò che di fatto è).

Forse solo un’altra caratteristica mi piace poco, ovvero quando Furby si addormenta. Accade troppo velocemente e in modo automatico (dopo 1 minuto di non interazione). A parte queste critiche e qualche altro difetto per quanto concerne l’interattività, io lo consiglio vivamente. Di sicuro non deluderà chi ne ha avuto uno negli anni 90, o chi ne resta affascinato oggi.

Un pensiero su “Com’è il nuovo Furby?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...