Tutti gli spot di Furby

Ne sono passati di anni, dalla prima comparsa di Furby in tv. Era il 1998 quando lo strano animaletto interattivo comparve sugli schermi di tutto il mondo. Un po’ gufo un po’ Gizmo del film Gremlins, catturò l’attenzione di tutti, bambini e adulti, impressionati dalla sua tecnologia e dalla sua interattività (nonché dalla mancanza di un tasto on/off per zittirlo la notte!). Dal primo Furby (1998), passando per Furby Babies (1999), il cuginetto marino Shelby (2001) e Furby Emototronico (2005), fino ai nuovi Furby 2.0 (2012), Furby Boom (2013) e l’ultimo arrivato Furby Connect (2016-2017), guarda tutti gli spot raccolti in questo video!

Furby e il successo degli anni 90

Era il 1998. Solo un anno prima il Tamagotchi aveva spopolato, conquistando milioni di bambini in tutto il mondo, ma aveva anche affascinato tantissimi adulti. Fu allora che Dave Hampton e Caleb Chung (futuro papà di Pleo), due inventori di giocattoli, pensarono a qualcosa che fosse molto più ‘vero’ di un animaletto fatto di pixel in uno schermo LCD, qualcosa che si potesse davvero accarezzare. Fu allora che nacque Furby, il primo electronic pet da accarezzare e accudire come un animale vero (o quasi). Furby proviene dall’incrocio delle parole ‘Fur’ e ‘Ball’, che vuol dire Palla di Pelo.

I primi esemplari di Furby avevano 24 nomi, tre diversi toni di voce, ed erano in grado di comunicare con più simili nelle vicinanze. Tra il 1998 e il 2001 sono uscite svariate generazioni di Furby, tutti con colori diversi e pattern di pelliccia differenti; alcuni di questi negli anni sono diventati molto rari e hanno raggiunto prezzi esorbitanti, come il Furby Angel, una delle edizioni limitate, oggi rarissimo, il cui costo si aggira sui 350 dollari.

Dopo il successo strepitoso di Furby, la Hasbro ha lanciato svariati personaggi con le stesse caratteristiche interattive: E.T. l’extraterrestre del famoso film di Spielberg, Gizmo, il tenero mogwai del fillm Gremlins, e Yoda. Nel 2001 ha creato inoltre il cugino diretto di Furby, ovvero Shelby. Prodotto da Tiger Electronics nel 2001, Shelby ha un vocabolario più ampio di Furby e può utilizzare fino a 1000 frasi diverse; cambia umore se messo a testa ingiù e diventa impertinente se lo si lascia da solo. Inedito in Europa, è il più ricercato tra i ‘parenti’ di Furby.

 

Furby: il ritorno

Furby sta per tornare! Il robot interattivo che nel 1998 ha venduto più di 40 milioni di esemplari è pronto per tornare in una nuova versione. La Hasbro ha annunciato la sua uscita per il 16 settembre negli Stati Uniti e Inghilterra.

Il nuovo Furby sarà disponibile in 10 diversi colori, avrà occhi luminosi LCD per esprimere tutte le sue emozioni, sensore a infrarossi per comunicare con gli altri suoi simili, e potrà interagire con noi tramite comandi vocali e sensori tattili sparsi per tutto il suo corpicino peloso e nella coda. Novità grandissima sarà l’interazione tramite tablet e iPhone, con una app gratuita chiamata iOS. Con iOS si potrà nutrire Furby e creare ‘pasti virtuali’ al momento, sapere cosa dice nella sua misteriosa lingua con una traduzione simultanea e altre funzioni che verranno rilasciate man mano. Il nuovo Furby però non potrà comunicare con i vecchi Furby, e con Shelby.